Home Notizie NON TI CONOSCO

NON TI CONOSCO

23 LUGLIO 2019

 

Persone che sono amiche da sempre. Un sentimento unico, nato quando ancora portavamo i grembiulini all’elementari (per quelli della mia età; adesso si dice “quando abbiamo avuto il nostro primo cellulare”). Quella è la persona con cui divideremo tutto, tranne la fidanzata, e alla quale andrà ogni nostro primo pensiero non appena ci capita qualche cosa di straordinario.

Poi, il nulla, un attimo di obnubilazione, una strada sterrata che seguiamo per gioco, per presunzione, per sfida, chissà perché, magari per dimostrare che non c’è nessuno e niente al mondo più importanti di noi stessi.

E veniamo sopraffatti dall’orgoglio. Un orgoglio smisurato, nel nome del quale non vediamo e capiamo più niente. Perché abbiamo già deciso che rinunciarvi, e ragionare, equivarrebbe a una sconfitta insopportabile. E il miglior amico diventa uno qualsiasi, anzi peggio, e le persone ritornano gente.

Quando è successo a me, ben lungi dal muovere il primo passo per risolvere l’impasse, quello che sono riuscito a fare è stato questo breve scritto, che mostra consapevolezza amara senza trasudare buona volontà. Adesso che questa situazione s’è risolta, e per fortuna bene, non riesco a non pensare a quel periodo come a un triviale sperpero di tempo. Maledetto, stramaledettissimo orgoglio, infame
superbia umana, nociva, terribile alterigia, ecco il perverso cardine del gelo, del tempo sprecato, delle occasioni buttate.

non ti conosco


forse adesso tu aspetti
quello che aspetto io,
forse adesso tu pensi, e progetti risposte
esattamente come sto facendo io,
è bastato un dubbio
un’incomprensione, un accenno,
a disfare un affetto

intanto cresce la distanza
e il muro resta inscalfito
grazie al nostro piccolo orgoglio.
Forse anche tu non vorresti altro,
eppure io adesso non ti conosco.