Home Notizie

News

PREG.MO DIRETTORE

1 MARZO 2019

 

PREG.MO DIRETTORE (DI QUESTA CASA DI CURA)


riapro le porte e mi inonda la fabbrica
il cupo continuo rumore che fa
di macchine in strada ce n'è una distesa
nemmeno di notte le vince il silenzio

semafori clacson le facce tirate
nessuno che parla il tam tam di una radio
un tizio si ferma soltanto un secondo
e lascia la macchina in mezzo alla strada

lo speaker in tele non sta zitto mai
travolto da fogli da fax e da guai
plotoni di pietra davanti alle strisce
"avanti" ed è subito fuga di massa

travolti sbattuti due vecchi che imprecano
"neanche mi fermo s'arrangi da se"
veloci decisi come mille api
sbandati meschini come tanti topi

chi è questa gente dalle orbite vuote?
chi è questa gente dai passi decisi?
chi è questa gente le labbra serrate?
chi è questa gente che somiglia a me?
non vedo nessuno in mezzo al rumore
in mille chilometri ho perso le ore
volare sparire non esserci più
che bello sarebbe, ma sei solo tu...

allora ho pensato che potevo fare
così di colpo ho iniziato a sparare
che facce stupite cadevano piano
io le contavo e tra me sorridevo

li ho visti bloccati sgomenti impauriti
forse stupiti di averli fermati
di averli costretti ad inventarsi una faccia
che avesse un colore lasciasse una traccia

di vivo son certo che avevano il sangue
lo stesso che a flotti mi sporca le braccia
così familiare così simile al mio
quasi mi chiedo se non sono io

quel volto che vedo riverso per terra
tra borse ed ombrelli, la sciarpa, una scarpa                    
adesso da qui me lo immagino calmo
tranquillo sereno composto disteso
non più appuntamenti, fusi orari, ritardi
né televisione, né falsi o bugiardi

così lo conosco, così lo capisco
così la mia vita fa l'ultimo fiasco
lo sento compagno, amico sincero
io dentro la cella e lui al cimitero.

 

PUCCINI AD EQUIVOCI MUSICALI

25 FEBBRAIO 2019

 

I duetti d'amore di Puccini e un tenore della Scala

GRANDE SERATA LIRICA A NOVA MILANESE

Sabato 2 Marzo 2019 ore 21
Teatro Comunale di Nova Milanese,
via Giovanni Giussani 9 / piazza Gio.I.A

info e prenotazioni qui

Giacomo Puccini può essere considerato a tutti gli effetti il grande compositore dell’animo femminile. Lo spettacolo presenta l’amore semplice e genuino de La Rondine, quello ingenuo di Cio Cio San ed opportunista di Pinkerton, nella Butterfly, l’amore passionale e travolgente della Tosca per proseguire con il meraviglioso finale dell’atto primo della Bohème, infine concludendo con i diversi sentimenti presenti nella Turandot, tra la serva Liù ed il principe Calaf e di entrambi verso la principessa Turandot.


Una serata di grande lirica con la straordinaria partecipazione di artisti del Teatro alla Scala di Milano.

con

Lorena Balbo, soprano

Andrea Semeraro, tenore

Massimiliano di Fino, pianoforte



Condividi
Condividi

Email inviata a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Disiscriviti
 

EQUIVOCI MUSICALI

20 FEBBRAIO 2019

 

 

Vedi su Web
BABELe! Suoni dell'Est e canti dell'Ovest

Sabato 23 Febbraio 2019 ore 21
Teatro Binario 7 , via Turati 8 MONZA

info e prenotazioni qui

Il BossoConcept, con la presenza del violoncellista di fama mondiale Jorge Andrés Bosso presenta BABELe!, un ponte ideale che supera i confini tra l’est e l’ovest, tra il nord e il sud, tra passato e presente per riportare all'ascoltatore l’essenza della musica, riflessiva, estatica, ma a volte ballabile e liberatoria. Un concerto straordinario e insolito che vi accompagnerà tra le sonorità del mondo con stupore e meraviglia.

 

NUOVA RASSEGNA DI MUSICA ANTICA

NELLA VILLA LITTA DI LAINATE

Domenica 24 febbraio 2019 ORE 16.00
Sala della Musica di Villa Litta, LAINATE

EquiVoci Musicali propone nella splendida Villa Borromeo Visconti Litta di Lainate, che ha già una storia straordinaria e un passato in cui l’arte, il divertimento e la bellezza hanno stupito nei secoli più di un visitatore, il festival di Musica Antica Equivoci Barocchi in collaborazione con l'amministrazione comunale con la direzione artistica di Rachel O'Brien e Ruggero Cioffi.

Il primo appunatemento prevede l'esecuzione con strumenti storici di brani di Bach, Haendel e Telemann.

Leggi di più

Scarica il programma completo

​​Info e biglietti qui

 

TRAME E DISEGNI

5 FEBBRAIO 2019

 

La notizia non aveva mancato di gettare nello sconforto i telespettatori di quella che certo era una delle soap più seguite, e non solo a livello nazionale. Alla famosa attrice americana xxx, protagonista storica del feuilleton, dopo accurati controlli era stato diagnosticato un male incurabile con la necessità di un intervento tempestivo per alimentare le non moltissime speranze di sopravvivenza. La brutta nuova aveva portato mestizia anche nello staff del programma. L'attrice si era fatta molto ben volere. L’eccentricità ed i capricci non erano mai stati una sua caratteristica, per contro il modo di fare disponibile e la grande professionalità l’avevano collocata tra le star più amate ed affidabili che avessero mai calcato quelle scene. Particolarmente affranti i due produttori della serie, i quali ben sapevano che la donna era una vera e propria istituzione e non sarebbe stato affatto semplice sopperire alla perdita di un personaggio simile. D’altronde i medici avevano lasciato poco margine per la ripresa professionale della diva che, semmai avesse anche debellato il terribile nemico, difficilmente sarebbe potuta tornare a recitare.

“Fortunatamente siamo avanti con le registrazioni ed abbiamo materiale sufficiente per almeno i prossimi tre mesi!” se ne era uscito sir Edward Leech, durante la riunione esecutiva di fine mese. “E’ vero, Edward”, aveva obbiettato il socio, sir James Vulture, “ma faremmo bene a non prendere la cosa sotto gamba e trovare una soluzione prima che la nostra gallinella dalle uova d’oro lasci questa valle di lacrime!” “Non oso pensare ad un’eventualità del genere!!” “Edward, non ti facevo così sensibile nei confronti dei nostri attori…” “Sono sensibilissimo invece, caro James, particolarmente nei confronti degli attori che assicurano un’audience così duratura e consistente! Troveremo come uscirne, vedrai!”. Il resto del personale ammesso alla riunione annuì senza commentare e si passò senz’altro alle altre priorità della giornata. Mentre le puntate della soap continuavano ad essere trasmesse, una delle sue protagoniste, che sul piccolo schermo appariva ricca, sfrontata ed affascinante, iniziava il suo primo ciclo di chemioterapia all’ultimo piano di una celebre clinica privata della capitale. La donna e la sua famiglia avrebbero desiderato mantenere il più assoluto riserbo circa il luogo del ricovero e l’inizio delle cure. Al contrario, malgrado le assicurazioni, fu Leech stesso a darne comunicato stampa. Naturalmente fin dal primo giorno una folla mista di giornalisti e curiosi si era assiepata fuori dall’edificio, e lì restarono accampati per tutto il tempo della degenza. Il produttore aveva visto giusto. Qualche tempo dopo il ricovero della star, qualcuno sparse la voce che le metastasi si erano ormai diffuse in varie parti del cervello e la poveretta non sarebbe sopravvissuta a lungo. Lo share del programma stava raggiungendo vette nemmeno sfiorate in precedenza. Il telespettatore poteva ammirare il perverso spettacolo di un personaggio pieno di vieta nella finzione e prossimo al decesso nella realtà. Una settimana più tardi a Vulture e Leech venne conferito il Grammy Award come i produttori di maggior successo dell’anno, e nel loro discorso di ringraziamento furono attenti a “elogiare l’intero staff senza il quale stasera noi non saremmo qui e mandare un bacio alla nostra cara xxx, che portiamo nel cuore ogni giorno con un amorevole incitamento a non arrendersi”. L’assembramento davanti alla clinica proseguiva senza soste. I familiari più stretti della donna venivano fatti entrare da un ingresso secondario e salivano con l’ascensore riservato al servizio mensa. Una mattina Vulture si svegliò con una strana idea in testa. Ma arrivato allo studio, non disse nulla. Però il suo umore era ancora più allegro del solito e pregustava già la riunione esecutiva che sarebbe stata tenuta quattro giorni dopo, durante la quale avrebbe esploso la bomba.

“Perché non la facciamo morire?”

Un silenzio con un po’ d’imbarazzo, ma non troppo, si insediò nello studi

o. Edward fu il primo a prendere la parola e, senza scomporsi, gli chiese di spiegarsi meglio.”Ma come abbiamo fatto a non pensarci prima? Trasporteremo la realtà nella finzione. Nelle prossime puntate, la nostra eroina scoprirà di avere un tumore che poi la condurrà alla tomba tra immani sofferenze. Non sarà difficile. Basterà alterare al computer le scene che non abbiamo ancora trasmesso in cui compare lei per modificarne i tratti e renderla sofferente ed immobilizzata a letto, e girare nuove scene di contorno con gli altri attori.Tanto abbiamo capito che se anche guarisse, non ce ne faremmo più niente per la soap. Sarà un successo enorme, cattureremo nuovi spettatori ed una volta coinvolti, non ci molleranno più.!”

“Sei grande James” esultava il socio “Suggerisco inoltre di prolungare l’agonia il più possibile per sfruttarne al massimo lo shock emotivo!”

“Ottimo, domani andremo agli studios per impostare il discorso con i registi, gli scenografi e tutta la troupe…ci aspetta davvero un duro lavoro ragazzi, ma ne varrà la pena!” “La riunione è sciolta!”

Contemporaneamente. L’attrice versava in condizioni sostanzialmente stabili nella sua camera di dolore. Stabile e senza alcun segno di cedimento era anche l’assedio della stampa, fans e sciacalli vari.

Trame e disegni.

La mattina seguente, Leech e Vulture viaggiavano su una strada statale poco affollata. Il manto statale era in perfette condizioni, il tempo bellissimo ed i due non avevano alcuna fretta. Ma per ragioni misteriose essi persero il controllo della vettura finendo pesantemente contro un albero. Impatto fatale per entrambi. Quello stesso giorno, l’attrice xxx iniziava a dare segni inattesi di miglioramento. Da allora progredì progressivamente ed in pochi mesi fu dichiarata fuori pericolo. L’anno successivo ricominciò a recitare. Era in splendida forma.

 

 

NUOVO EVENTO A PALAZZO MARINO

31 GENNAIO 2019

 

domenica 3 febbraio alle ore 11.00 a Palazzo Marino, primo di due appuntamenti gratuiti dedicati al romanticismo in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Milano e in accompagnamento alla mostra “Romanticismo”.

 

Palazzo Marino in Musica

VIII Edizione – Stagione 2019

Domenica 3 febbraio, ore 11.00

L’opera romantica

Vincitori del Concorso Lirico Salvatore Licitra

 

 

Sala Alessi – Palazzo Marino

Piazza della Scala 2, Milano.

 

Ingresso gratuito con prenotazione.

La rassegna Palazzo Marino in Musica, giunta alla sua ottava edizione, accompagna la mostra Romanticismo alle Gallerie d’Italia – Piazza Scala e al museo Poldi Pezzoli di Milano con due concerti di musica romantica (domenica 3 febbraio e domenica 3 marzo) che esplorano le sonorità, le passioni e le speranze dell’Italia risorgimentale. Prosegue dunque per il secondo anno la collaborazione con le Gallerie d’Italia attraverso una proposta musicale che offre al pubblico l’occasione per spaziare fra i diversi linguaggi dell’espressione artistica e approfondire, in musica come in pittura, un altro periodo fondamentale della storia dell’arte italiana.

Il percorso musicale quest’anno si concentra sulle figure di Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini e Giuseppe Verdi che con la loro musica operistica e da camera si sono svincolati dal genio rossiniano sviluppando definitivamente il linguaggio musicale romantico italiano.

Inaugura domenica 3 febbraio, alle ore 11.00, la prima parte della nuova edizione di Palazzo Marino in Musica con il primo dei due appuntamenti gratuiti dedicati al romanticismo musicale. Nel concerto L’opera romantica cinque vincitori del Concorso Lirico Salvatore Licitra, competizione che ospita ogni anno più di 100 artisti da tutto il mondo, interpretano alcune delle pagine più celebri di Gaetano Donizetti, Vincenzo Bellini e Giuseppe Verdi, i compositori che hanno tradotto il sentimento del loro tempo in una produzione operistica estesa e di una varietà stilistica straordinaria, aprendo definitivamente al linguaggio romantico italiano.

 

Di Gaetano Donizetti verranno interpretate alcune delle più emozionanti arie e duetti tratti da Elisir d’amore, Lucia di Lammermoor e Don Pasquale. Il programma propone anche un duetto tratto da I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini e si chiude con tre tra le più famose arie e quartetti di Giuseppe Verdi tratti da Nabucco, Attila e Rigoletto.

 

Programma:

Gaetano Donizetti (1797 –1848) – da L’elisir d’amore Una furtiva lagrima

Gaetano Donizetti – da L’elisir d’amore Prendi, per me sei libero

Vincenzo Bellini (1801 –1835) - da I Capuleti e i Montecchi Ah mia Giulietta! Vieni ah vieni, e in me risposa

Gaetano Donizetti – da Lucia di Lammermoor La scena della pazzia

Gaetano Donizetti – da Don Pasquale Tornami a dir che m'ami

Gaetano Donizetti – da Don Pasquale Quel guardo il cavaliere... So anch’io la virtù magica

Gaetano Donizetti – da Don Pasquale Signorina, in tanta fretta dove va?

Giuseppe Verdi (1813 – 1901) – da Nabucco Oh, dischiuso è il firmamento!

Giuseppe Verdi – da Attila Tregua è cogli Unni... Dagli immortali vertici

Giuseppe Verdi – da Rigoletto Un dì, se ben rammentomi

Leonora Tess soprano

Sory Kim soprano

Mariangela Marini mezzosoprano

Shimon Yoshida tenore

Ettore Lee baritono

Serena Zanette flauto

Stefano Giannini pianoforte

Ingresso gratuito con prenotazione.

80 biglietti gratuiti potranno essere riservati online sul sito www.palazzomarinoinmusica.it a partire dalle 10.00 di giovedì 31 gennaio. Altri 40 biglietti cartacei saranno disponibili presso la biglietteria delle Gallerie d’Italia – Piazza Scala, in Piazza della Scala 6, a partire dalle ore 10.00 di giovedì 31 gennaio. Sarà possibile ritirare fino a due biglietti a persona.

Il secondo appuntamento musicale in collaborazione con le Gallerie d’Italia, Verdi da camera, si terrà domenica 3 marzo e vedrà esibirsi il Quartetto Dàidalos. Il concerto propone due trascrizioni per quartetto dell’aria Quando le sere al placido e del celebre coro Và pensiero di Giuseppe Verdi, insieme al suo Quartetto in mi minore e al Quartetto n.5 in mi minore di Gaetano Donizetti.

 

L’ottava edizione di Palazzo Marino in Musica proseguirà ad aprile con la seconda parte di stagione dal titolo “Classico, Neo-Classico? Razionalità ed equilibrio nella civiltà musicale Europea.”: sei appuntamenti (7 aprile – 3 novembre 2019) musicali dedicati al concetto di “classico” in musica, nella sua valenza che definisce in modo ampio la musica colta occidentale, a partire dalle radici teoriche e formali dell’antichità, nell’accezione che prende il termine tra Settecento e Ottocento, fino alla nozione di Neoclassicismo musicale.

La rassegna Palazzo Marino in Musica, realizzata in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Comunale, è sostenuta da Intesa Sanpaolo ed è organizzata dall’Associazione EquiVoci Musicali. La direzione artistica è a cura di Davide Santi e Rachel O’Brien. Consulente artistico è il prof. Ettore Napoli. Media partner della stagione 2019 è la rivista Amadeus.

Palazzo Marino in Musica

Stagione 2019, VIII Edizione

Sala Alessi - Palazzo Marino

 

Direzione Artistica: Davide Santi e Rachel O’Brien

Consulente artistico: Ettore Napoli

Ufficio Stampa: Giulia Castelnovo

Assistente alla produzione: Francesca Napoli

Organizzazione: EquiVoci Musicali

Ufficio Stampa: Giulia Castelnovo

Tel. 327 209 10 89 | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

www.palazzomarinoinmusica.it

 

Facebook, Youtube: Palazzo Marino in Musica

Twitter: InMusica

 

Con il sostegno di Intesa Sanpaolo.

 
Altri articoli...