Home Notizie

News

COLLOQUIO PER VOCE E SILENZIO

16 FEBBRAIO 2017


potessi credere davvero
che tu m'ascolti
potessi attribuirti un calore, definirti una gioia
potessi sentirti davvero
consolazione, annuncio
come muterebbero i miei giorni!
potessi fermare il flusso delle cantilene grottesche,
delle parole vane, condannate,
scollegate dalla mente, dal cuore
dare un senso a tante promesse
strozzate nel buio,
in un greve colloquio per voce e silenzio

 

TRE TENORI A RHO

13 FEBBRAIO 2017


Venerdì 17 febbraio 2017 alle ore 21.00, presso la sala rossa dell'auditorium comunale Padre Reina, di via Meda a Rho, parte la rassegna di musica classica con  I tre  tenori del Teatro alla Scala di Milano. Luigi Albani, Corrado Cappitta e Giovanni Manfrin, tenori  - Samuele Pala, pianoforte.
Uno spettacolo lirico dal titolo ispirato al celebre trio Domingo - Carreras – Pavarotti, I Tre Tenori mette in scena lo stesso repertorio:  famose arie d’opera, operetta, canzone italiana e napoletana del repertorio classico e di tradizione. Sul palco tenori del Teatro alla Scala di Milano coordinati da Giorgio Valerio, ideatore della proposta e a sua volta artista del coro presso il celebre teatro milanese. Un concerto che alterna acuti, ariosi raffinati, belcanto, struggenti melodie e allegri duetti/terzetti.

Per i concerti sono previste le stesse tariffe relative ai biglietti del teatro:

  • abbonamenti interi 36,00 euro
  • abbonamenti ridotti 30,00 euro
  • biglietti singoli 12,00 euro
  • biglietti ridotti 10,00 euro
  • rassegna bambini posto unico 5,00 euro
  • biglietto combinato 3 eventi intero 30,00 euro
  • biglietto combinato 3 eventi ridotto 25,00 euro

Informazioni ed orari prevendita abbonamenti e biglietti

CentRho, piazza San Vittore 22, Rho
16.30 / 19.30 dal martedì al venerdì
11,00 / 19.00 il sabato
e un’ora prima degli spettacoli
al botteghino dell’Auditorium di Via Meda nelle serate e pomeriggi di spettacolo
Per acquisti biglietti on line:
www.vivaticket.it

 

MAGENTA JAZZ 2016

21 NOVEMBRE 2016

 


26-27-28 NOVEMBRE AL TEATRO LIRICO

Il Teatro Lirico ospita nell´ultimo weekend di novembre il Festival Jazz ‘Città di Magenta´ che quest´anno giunge alla 13ma edizione.


PROGRAMMA

Magenta Jazz Festival

Venerdì 26 Novembre ­ Teatro Lirico ore 21.00

Maxentia Big Band
" L´era dello Swing " ­ Concerto

Sabato 27 Novembre - Piazza Liberazione ore 16.00
Belle Epoque Street Band ­ Street Parade

Sabato 27 Novembre - Teatro Lirico ore 21.00
Francesco D´Auria e Maurizio Aliffi Sestetto
Special Guest da Parigi: Michel Godard ­ Concerto

Domenica 28 Novembre - Piazza Liberazione ore 16.00
Maxentia Brass Band ­ Street Parade

Domenica 28 Novembre - Teatro Lirico ore 21.00
Manomanouche Quintetto - Concerto
Django Memorial Concert

PREZZI: Abbonamento ai 3 concerti del 26,27 e 28 novembre 15 euro
Ingresso concerto singolo 8 euro

Per informazioni: Teatro Lirico, Via Cavallari 2 ­ 20013 Magenta (Mi) Tel. 02 97003255 Orari biglietteria- martedì e giovedì 10-12 e 17-19, sabato 10-12 www.teatrolirico.it

 

EBOOK

18 NOVEMBRE 2016


in uno dei post precedenti avevo ricordato l'uscita su ebook del mio terzo romanzo "un sogno marginale" (euro 5,99 - case editrici varie) Su richiesta di un amico, riporto una breve nota riassuntiva del libro:

Il nostro protagonista è una persona straordinariamente normale, talmente qualunque che, pur narrando in prima persona l’intera storia, non cita mai il proprio nome. E’ un guidatore di corriere, abituato a percorrere una strada nel corso della quale viene a contatto con l’umanità più svariata, capta situazioni, avverte umori e sentimenti. Non giudica ma paragona, non s’intromette ma elucubra.

Ogni giorno, alimenta il proprio sogno, marginale in quanto distaccato dalla vita reale che conduce, ma vivo, caldo, confortante.

La moglie del nostro, infermiera, è tanto dinamica e pratica quanto il marito è riflessivo e « tenue ». La loro vita è contornata da personaggi colorati, in grado di stimolare la tenera, irrinunciabile dimensione parallela del protagonista. Il figlio Simone, forte, spavaldo, ma sostanzialmente buono, dotato di un notevole, prematuro senso di discernimento. Il padre, saggio e permeato da urticanti ironie, i colleghi, specialmente uno di questi, che prende il protagonista sotto la propria ala protettrice, (e non è detto sia sempre un bene). Lui ricambia tutti con una mansuetudine sorridente, un ponderare acuto, magari fintamente cosmico ma comunque sorprendente.

Il rapporto fondamentale che il nostro autista tiene in piedi è però quello, epistolare, con un’entità che non viene svelata, ma che il lettore più attento non faticherà a riconoscere. Lettere appassionate, spesso commoventi, umili ma anche trasudanti, in certune occasioni, rabbia e rimpianto, appena soffuso ma non diminuito dal tempo, sempre permeato di dolci nostalgie.

Sarà proprio quest’entità a condurre per mano il nostro protagonista al passo fondamentale per la realizzazione del proprio sogno “marginale”.

Sono pagine pressoché prive di tensione, tranne per brevi paragrafi; eppure l’irripetibile filosofia del protagonista si dimostra accattivante, spinge il lettore a continui raffronti, a porsi domande che potrebbero riservare risposte sorprendenti.

Il finale potrebbe sembrare stravagante, ma a chi abbia preso realmente “a cuore” le vicende del nostro protagonista, cercando d’immedesimarsi con esso, e di adeguarsi al modo di pensare dello stesso, magari eccessivamente “old fashioned”, un po’ naif, ma sempre, testardamente genuino, non potrà che trovarlo logico e perfettamente in linea col personaggio.

Ossia sorridente, vitale, così estraneo al mondo odierno (cruento, meschino, pazzoide), d’apparire per certi versi irresistibile

 

ANGELI DI SPERANZA

15 NOVEMBRE 2016


Una volta era solo per le feste. Adesso ogni giorno, uno o più bollettini di speranza ti invadono la casella della posta. E ogni sospetto diventa scandalosa vergogna....

ogni giorno una lettera

la missione quotidiana

sono un angelo di speranza

mi scrivete già ottimisti

spiegando per filo e per segno

le motivazioni del mio gesto

corredando ogni missiva

cogli auguri di Natale

ovviamente devo diventare

molto migliore di quel che sono

ed emettere il mio contributo

spegnere il fuoco del bisogno

per voi che da queste foto

mi state già ringraziando

dai vostri pancini enormi

e non sapete il resto

così ancora adesso

quando arriva una richiesta

io mi macero nel dubbio

restando sempre confuso

tra bocche da sfamare

e tasche da riempire

ed è meglio che tu ed io

non sapremo mai il resto

compila angelo della speranza

compila lapposito bollettino

 
Altri articoli...